Visualizza articoli per tag: artista

Una mostra da non perdere, allestita nel sontuoso Palazzo Braschi, nella splendida cornice di Piazza Navona,. Un’esposizione artistica di alto livello che attraverso circa 100 opere illustra in maniera cronologica  la produzione di Artemisia Gentileschi, figlia  d’arte, la cui vicenda biografica e artistica ha affascinato cineasti e scrittori di tutti i tempi.
 La sua produzione è messe in relazione con quella dei pittori attivi in quegli stessi anni a Roma. Le tele in mostra provengono da ogni parte del mondo, da prestigiose collezioni private e da importanti musei, per fornire un confronto puntuale tra l’artista e i suoi colleghi, frequentati a Roma, a Firenze e Napoli.

Martedì 24 Gennaio 2017 16:25

Borromini Esoterico

Francesco Castelli, in arte Borromini, apparteneva alla corporazione dei Liberi Muratori, da cui trarrà poi origine la Massoneria, ufficialmente nel 1717. La sua regola si basava su un principio: “esporre segretamente e dimostrare silenziosamente”. Per questo motivo ritroviamo nell’opera borrominiana una complessa simbologia occulta, che va al di là della sua genialità di architetto. Quelle che i biografi giudicavano come stranezze possono invece essere interpretate, rispecchiando le sue conoscenze ermetiche. Messaggi esoterici sono racchiusi nelle stelle, nei quadrati, nei cerchi, nei triangoli e in tutti gli elementi delle sue decorazioni. Il nostro percorso alla scoperta di Borromini esoterico partirà da San Giovanni Battista dei Fiorentini, dove l'artista collaborò con il Maderno, il suo unico maestro, e dove le sue vicende romane ebbero il principio e la fine. Percorreremo l'antica via Giulia fino a Palazzo Falconieri, altra opera del geniale architetto ticinese, e attraverso le strette vie del Rione Regola incontreremo altri luoghi affascinanti della Città Eterna. Visiteremo anche una parte del Rione Parione, lungo l'antica via Papalis, soffermandoci davanti all'Oratorio dei Filippini. Infine, concluderemo il nostro percorso in piazza dell'Orologio.

Lunedì 19 Dicembre 2016 17:55

Artemisia Gentileschi e il suo tempo

Una mostra da non perdere, allestita nel sontuoso Palazzo Braschi, nella splendida cornice di Piazza Navona,. Un’esposizione artistica di alto livello che attraverso circa 100 opere illustra in maniera cronologica  la produzione di Artemisia Gentileschi, figlia  d’arte, la cui vicenda biografica e artistica ha affascinato cineasti e scrittori di tutti i tempi.
 La sua produzione è messe in relazione con quella dei pittori attivi in quegli stessi anni a Roma. Le tele in mostra provengono da ogni parte del mondo, da prestigiose collezioni private e da importanti musei, per fornire un confronto puntuale tra l’artista e i suoi colleghi, frequentati a Roma, a Firenze e Napoli.

Giovedì 27 Ottobre 2016 08:12

Museo Hendrik Christian Andersen

Ne cuore del Quartiere Flaminio, vivremo l’esperienza unica di essere ospiti presso una vera “Casa d’Artista”, la più suggestiva sede satellite della Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma. Non un museo ma l’Abitazione-Atelier dello scultore norvegese Hendrick Christian Andersen, vissuto tra fine dell‘Ottocento e i primi anni del Novecento. Ammireremo le enormi opere in gesso, frutto della sua fantasia e sensibilità. Conosceremo un Artista sognatore e visionario, un uomo sui generis che trascorse la sua esistenza nel desiderio di realizzare un ambizioso progetto urbanistico, fra utopia e studi architettonici. Un progetto artistico intrecciato a vicende private e familiari, la storia di un Artista che non ebbe mai committenti né acquirenti ma visse soltanto per dar forma al suo sogno attraverso il marmo.

Mercoledì 23 Marzo 2016 13:52

Sulle Orme di Caravaggio

Nella suggestiva atmosfera pomeridiana della primavera romana, i nostri migliori Storici dell’Arte vi invitano a lasciarvi guidare sulle tracce di una delle personalità più particolari e celebri del passato, riscoprendo attraverso una passeggiata d’arte guidata la vita, gli amori, gli ideali e le inquietudini di Michelangelo Merisi, detto Caravaggio. Uomo e Artista geniale, con la sua opera pittorica enigmatica, ampiamente discussa ma sempre universalmente ammirata, ha lasciato un segno fondamentale nell’arte, divenendone uno dei maestri più imitati ed ammirati. Passeggiando tra le vie del centro storico della Città, le sue opere ci aiuteranno a fare “luce” sulla sua vita, raccontando gli avvenimenti che più ne hanno segnato l’esistenza, imprimendosi poi per sempre nella sua arte. Il nostro percorso prevede la visita alle opere custodite all’interno della Chiesa di San Luigi dei Francesi a pochi passi da Piazza Navona, della Basilica di Sant'Agostino in Campo Marzio e della Basilica di Santa Maria del Popolo situata nell’omonima Piazza.

Su uno dei siti più belli dell’antica Roma, i Giardini di Lucullo, con la sua prestigiosa villa, successivamente divenuta residenza imperiale, sorge oggi la sede dell’Accademia di Francia, Villa Medici sul Pincio. Essa fu progettata nel 1576 dallo scultore ed architetto manierista Bartolomeo Ammannati, per volere di Ferdinando de' Medici, il quale mirava a realizzare un magnifico palazzo degno della famiglia Medici, ed allo stesso tempo un prezioso museo che rievocasse le bellezze dell’antico, attraverso intere gallerie d’arte o ricercati dettagli decorativi, come l’inserimento di una serie di bassorilievi di epoca classica nella facciata della Villa, orientata verso il giardino. Una visita che ci accompagnerà alla scoperta dei meravigliosi giardini scenografici dell’antica residenza, insieme alle sue sale interne che nel XIX secolo vennero ampliate ed arricchite con splendide decorazioni artistiche ed ampie finestre e vetrate tipiche degli atelier d'artista ottocenteschi. Inoltre, in occasione della Mostra alle Scuderie del Quirinale, l’Accademia di Francia offre al suo pubblico il privilegio di rivivere, all’interno della Villa, un autentico “Atelier d’Artista” insieme al processo creativo di quello che fu uno dei suoi direttori più importanti: Balthus. Un’esposizione che, attraverso le opere realizzate durante il suo soggiorno romano, ci permette di ripercorrere la pratica del suo lavoro in atelier, l’uso dei modelli, le tecniche ed il ricorso alla fotografia, immergendoci completamente in quel momento magico ed irripetibile rappresentato dalla creazione artistica, in una delle ville romane più celebri ed imponenti.