Visualizza articoli per tag: palazzo

Il Palazzo progettato da Girolamo Rinaldi fu voluto da Giovanni Battista Pamphilj, divenuto papa con il nome di Innocenzo X a metà del ‘600. Passato allo Stato Brasiliano, fu nel 1960 acquistato, divenendo sede della loro Ambasciata. Racconteremo della celebre famiglia Pamphilj e delle vicende artistiche e urbanistiche che si svilupparono sotto l’influsso di Innocenzo X. Attraverseremo le eleganti sale interne affrescate da importanti maestri del XVII secolo come Pietro da Cortona, Agostino Tassi, Giacinto Brandi ed altri. Scopriremo sontuosi ambienti come il Salone Palestrina, un tempo utilizzato per feste e concerti e la splendida Galleria progettata da Borromini e decorata da Pietro da Cortona con scene della vita di Enea, immergendoci nelle atmosfere raffinate di quella che fu la splendida dimora di una delle famiglie più importanti nella storia della nostra città.

Cinquecento anni di annessioni, evoluzioni e modifiche hanno portato il Palazzo Doria Pamphilj al maestoso aspetto attuale, che troneggia sulla centralissima Via del Corso, scrigno custode di pregiati capolavori artistici e splendide stanze cinquecentesche completamente affrescate. Da Caravaggio, Tiziano e Raffaello, passando per pittori fiamminghi quali Hans Memling e Diego Velàzquez, e ancora celeberrime opere di artisti come i Carracci o il Vasari, il Palazzo offre una spettacolare esposizione permanente dei nomi più influenti dell’arte italiana, nella prestigiosa location di un palazzo storico nobiliare ricco di vicissitudini storiche, artistiche ed umane.